- INDEX -

   Prima pagina
   Redazione
   Rubriche
   Eventi
   Utility

info short  
mostre in mostra

partner



clicca per accedere al menu

archivio

AGGIORNAMENTI

Aldo Pecoraino
 

avvertiamo i Signori Utenti che l’associazione culturale “il torchietto” non ha alcun venditore che si occupi di contatti o vendite di alcun tipo. Eventuali richieste o informazioni devono essere esclusivamente riferite a mezzo mail o ai numeri telefonici in home page indicati. 
  GLI ARTISTI

collaborazioni in galleria


  pietro annigoni CENNI

EPietro Annigoni, uno dei più noti pittori italiani del '900, nasce a Milano il 7 giugno 1910 dove frequenta il Ginnasio "G. Parini" e trascorre molte ore alla Biblioteca Ambrosiana per studiare i disegni di Leonardo.
Nel 1925, la famiglia si trasferisce a Firenze, dove il padre, ingegnere, ha l'incarico di installare la rete telefonica automatica della città, e qui consegue la maturità classica all'Istituto degli Scolopi.
Al momento di tornare a Milano, nel 1928, Pietro Annigoni, che ha già mostrato eccezionali attitudini per il disegno e frequenta la Scuola Libera del Nudo, ottiene dai genitori il permesso di restare a Firenze per frequentare l'Accademia delle Belle Arti.Questo è il periodo più importante nella sua formazione di uomo e di artista.
Guidato da una fortissima ansia del conoscere Annigoni diventerà un uomo di vastissima cultura, oltre che un artista di genio.Stringe amicizie durature con giovani promesse del mondo della letteratura e dell'arte e, proprio nello studio dello scultore Mario Parri, incontra Anna Maggini, allora studentessa del Conservatorio, con la quale si sposerà nel 1937.Nel 1930 il giovane Pietro Annigoni espone per la prima volta a Firenze in collettiva con altri pittori, ma due anni dopo presenta con grande successo, la sua prima mostra personale a Palazzo Ferroni nella galleria Bellini e vince il premio "Trentacoste".
Espone a Milano con eccezionale consenso di pubblico e di critica nel 1936, mentre, coltivando una vera passione per i viaggi, visita molti paesi europei, tra cui la Germania, dove rimane particolarmente colpito dalla pittura rinascimentale nordica.
La serie delle guaches, realizzate durante i viaggi e le passeggiate in campagna, mostra un raro talento nel cogliere l’aspetto più profondo della natura, che egli riesce ad interpretare con estrema sensibilità.
Negli anni '30 Pietro Annigoni crea un grande numero di disegni e opere che rispecchiano il suo mondo: ritratti di amici, persone che incontra nelle osterie, o per la strada, interni, nature morte.
Anticoformista, di idee liberali, contrario ad ogni forma di totalitarismo, impegnato nell'affermazione della sua visione della pittura in rapporto alla società, nel 1947 Pietro Annigoni firma, insieme a Gregorio Sciltian, Xavier ed Antonio Bueno, Alfredo Serri ed altri, il Manifesto dei "Pittori Moderni della Realtà".
Con tale dichiarazione, il gruppo si pone in aperto contrasto con le nuove correnti pittoriche propugnatrici dell'informale.
Nonostante le tensioni emotive e culturali di quegli anni, è proprio tra il 1945 ed il 1950 che Annigoni realizza alcune opere fondamentali per il suo cammino d'artista.
Pietro Annigoni nel suo Studio di Londra


 

 

data ultima modifica: martedì 04 luglio 2017
 infoline: 3489946151

infomail:
arte@iltorchietto.it
design: COANPA -  2012 -
webmaster