- INDEX -

   Prima pagina
   Redazione
   Rubriche
   Eventi
   Utility

info short  
mostre in mostra

partner



clicca per accedere al menu

archivio

AGGIORNAMENTI

Aldo Pecoraino
 

 
avvertiamo i Signori Utenti che l’associazione culturale “il torchietto” non ha alcun venditore che si occupi di contatti o vendite di alcun tipo. Eventuali richieste o informazioni devono essere esclusivamente riferite a mezzo mail o ai numeri telefonici in home page indicati. 
  GLI ARTISTI

collaborazioni in galleria


  francesco messina CENNI
 

Francesco Messina nasce a Linguaglossa (CT) il 15 dicembre 1900. Scultore di indiscusso valore, Messina è sul podio dell’Arte contemporanea da decenni. Direttore della scuola di scultura di Brera già negli anni 30 e 40 la sua Arte è presente in innumerevoli musei internazionali e nazionali, le più prestigiose collezioni non sono avulse da questa presenza che ne sottolinea la grandezza e l’importanza.
Anche le sue opere pittoriche e grafiche sono diffuse con successo nel mercato dell’arte ma oggi, non essendoci più offerta del mercato, trovare le sue opere risulta sempre più difficile.
Le Aste Internazionali, ogni tanto, riescono a proporre qualche sua scultura proveniente da qualche collezione privata ma, i prezzi, sono sempre proibitivi per i più.
Giovanissimo si recò a Genova dove lavorò duramente come "operaio marmoraro" per il Maestro Staglieno.Frequentò corsi di disegno e scultura all'Accademia Ligustica e dal 1920 in poi partecipò a importanti mostre nazionali, e alla Biennale veneziana del 1922; Per ampliare i propri confini culturali, compì una serie di viaggi in Europa, in Africa e nell'America Latina. Trasferitosi nel 1932 a Milano, allestì tre personali, a Milano, Genova e a Torino; dal 1934 fino a pochi anni or sono occupò a Brera la cattedra di Scultura che era stata precedentemente di Adolfo Wildt.
Per tutto l'anteguerra Messina sentì fortemente, come molti altri artisti della sua generazione, la suggestione della scultura arcaica; la raffinata "rozzezza" delle sue opere di quel periodo coincide con la poetica elaborata in ambienti artistici italiani ed europei nel decennio dal 1920 al 30, nella scia di un discorso figurativo avviato fin dal 1908, con riferimenti continui all'arte nera e primitiva in particolare.
Nell'essenzialità della forma Messina vide il mezzo attraverso cui esprimere un discorso figurativo moderno, rigoroso; ma non volle esasperarlo attraverso un processo di astrazione e di stilizzazione che facesse perdere alla realtà e, soprattutto all'uomo, la sua naturale fisionomia. Il clima culturale di "Novecento", con gli evidenti richiami puristi, indirizzò sempre più in senso classico-naturalistico la scultura di Messina, il quale, con gli anni, divenne il più significativo rappresentante di questa corrente, insieme realistica e idealizzante.
Le opere più recenti di Messina, quelle dal 1970 in poi, rivelano un parziale abbandono della abituale eleganza formale a vantaggio di uno stile più mosso e contrastato con adesione agli aspetti sofferti della realtà. Ne è una testimonianza "Nudo" del 1970 che, nella sua mutilazione, sembra voler esprimere una esistenzialità vissuta, lontana dall'abituale idealizzazione di forme; o la serie delle Marie e degli Apostoli (piccoli busti in bronzo) di recente acquisiti al Museo del Duomo di Milano. Messina è sempre rimasto estraneo ai movimenti di avanguardia e alle problematiche di rinnovamento formale della scultura contemporanea; lavora con consumata perizia, intendendo la scultura non solo come espressione di una poetica figurativa, ma come capacità di dominare la materia attraverso il possesso consapevole di mezzi tecnici.
Ha partecipato a numerose esposizioni collettive tra cui la Terza Mostra di Scultura Internazionale a Filadelfia nel 1953, quella di Arte Italiana Contemporanea ad Atene nel 1953, la Mostra "Arte Moderna in Italia 1915-1935" nel 1967 a Firenze, Palazzo Strozzi. Una sua retrospettiva è stata organizzata nel 1956 alla Biennale di Venezia. Tra le sue personali, si ricordi quella ampia a Montecatini Terme (1965).
Oltre a numerosi ritratti, ha eseguito il Monumento a Papa Pacelli in S. Pietro e quello di S. Caterina da Siena nei Giardini di Castel S. Angelo a Roma, a Pavia la statua equestre del Regisole e quello, di gigantesche proporzioni, della Minerva. Nel 1977 è stato aperto a Milano, nella ex Chiesa di S. Sisto affidatagli dal Comune e dall'artista stesso restaurata, un museo delle sue opere. Francesco Messina muore a Milano il 13 settembre 1995


 

 

 

 

data ultima modifica: mercoledì 16 agosto 2017
 infoline: 3489946151

infomail:
arte@iltorchietto.it
design: COANPA -  2012 -
webmaster