- INDEX -

   Prima pagina
   Redazione
   Rubriche
   Eventi
   Utility

info short  
mostre in mostra

partner



clicca per accedere al menu

archivio

AGGIORNAMENTI

Aldo Pecoraino
 

avvertiamo i Signori Utenti che l’associazione culturale “il torchietto” non ha alcun venditore che si occupi di contatti o vendite di alcun tipo. Eventuali richieste o informazioni devono essere esclusivamente riferite a mezzo mail o ai numeri telefonici in home page indicati. 
 EVENTI

PANORAMA DEGLI ARTISTI E DELLE RASSEGNE

archivio



 

Domenico Cantatore

 

 

 

Bari ha ospitato nella prestigiosa sede della Galleria d’arte Adriatica della famiglia Macinagrossa una mostra in memoria di Domenico Cantatore (1908-1998),l’artista nato a Ruvo di Puglia che ha dato calore e poesia alla terra del sud. Pittore autodidatta si trasferisce a Milano dove,insieme ad altri intellettuali,sperimenta un modo alternativo di fare arte,capace di dare voce alle inquietudini di una generazione “di mezzo”. Il suo soggiorno parigino degli anni trenta lo porta a contatto con le avanguardie e con quegli artisti come Modigliani,Picasso e Matisse che hanno dato un volto nuovo all’arte del XX sec. Da questa esperienza parigina Cantatore sviluppa un linguaggio artistico fortemente espressionista,nei volumi e nel colore,sintesi delle influenze avanguardiste;le sue figure riassumono la raffinata linearità di Modigliani, il colore di Matisse e l’esotismo di Gaugain. Ritornato a Milano nel 1934,dove già nel 1929 aveva tenuto la sua prima personale alla Galleria omonima,espone i suoi disegni del periodo parigino alla Galleria il Milione. A Milano ottiene la cattedra al Liceo artistico e nel 1950 la cattedra di pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera. Cantatore è un pittore figurativo che ha reso il sud e la sua gente argomento dominante della sua pittura:la terra,la tradizione,il dolore, la religione sono i valori profondi che legano l’artista alla sua terra. Donne anziane dal viso rugoso e dal profilo spigoloso animano le sue tele,in un silenzio antico che sa di tradizione e di mistico raccoglimento;le mani grandi e i capelli raccolti sotto un fazzoletto scuro di chi conosce il lavoro e l’asprezza di una vita dura ma semplice,trascorsa senza slanci tra l’abitudine e il pregiudizio. “Le sorelle”( le zie dell’artista) olio su tela del 1991 hanno mani corpulente,abiti scuri,calze pesanti a rig he,scarpe da casa e copricapi neri;così come la donna in “Controra”è vestita di scuro con il capo coperto di nero su uno sfondo neutro che appiattisce l’immagine,quasi a sottolineare la lentezza e la monotonia che scandiscono le sue giornate. Il tema della religiosità è un altro degli aspetti ricorrenti in Cantatore e che caratterizza la cultura contadina del sud,legata alle credenze popolari in cui si intrecciano storia e leggenda. Di grande fascino è la tela “Donna che prega”del 1970 in cui su uno sfondo rosso che esprime calore ed intimità si inseriscono gli unici due elementi della narrazione:le candele accese a sinistra,di cui quasi percepiamo il lento consumarsi della cera,e la donna in nero in preghiera seduta a destra,la cui spiritualità si legge nella pennellata chiara che contorna il suo corpo in un alone di luce fioca. “Il Cristo”,olio su tela, è una figura robusta dai piedi grandi e dalla muscolatura vigorosa,che connota più un aspetto umano che sacro;il suo viso è spigoloso e duro come quello degli uomini del sud che dimorano nelle sue tele;è un Cristo sofferente che patisce e dunque ha il capo che ricorda il Christus patiens dell’iconografia religiosa duecentesca. L’influenza di Matisse porta Cantatore ad animare la materia di luce e calore e a creare una serie di figure femminili di odalische distese,dalle voluminose rotondità e dal cromatismo acceso,che oggi rappresentano un’icona della vasta produzione dell’artista pugliese. A questa serie di odalische si aggiungono figure di donne come “Dadè Lacroix”,dal viso solare e sorridente e la “Donna col ventaglio”ispirata al Goya.

Antonella Colaninno



 

 

 

 

data ultima modifica: mercoledì 16 agosto 2017
 infoline: 3489946151

infomail:
arte@iltorchietto.it
design: COANPA -  2012 -
webmaster