- INDEX -

   Prima pagina
   Redazione
   Rubriche
   Eventi
   Utility

info short  
mostre in mostra

partner



clicca per accedere al menu

archivio

AGGIORNAMENTI

Aldo Pecoraino
 

avvertiamo i Signori Utenti che l’associazione culturale “il torchietto” non ha alcun venditore che si occupi di contatti o vendite di alcun tipo. Eventuali richieste o informazioni devono essere esclusivamente riferite a mezzo mail o ai numeri telefonici in home page indicati. 
 EVENTI

PANORAMA DEGLI ARTISTI E DELLE RASSEGNE

archivio


 
 

Marta

Il nuovo Museo di Taranto 

 

 

 

Con l’acronimo “Marta”si inaugura la nuova designazione del Museo Nazionale Archeologico di Taranto,riaperto al pubblico il 20 dicembre alla presenza del Ministro per i Beni Culturali Francesco Rutelli. Il Museo è stato istituito nel 1887,nella attuale sede del Convento di S. Pasquale,detto anche dei frati Alcantarini,un edificio di XVIII sec. Dal 1903 l’edificio ha subito una serie di interventi,con la ricostruzione,in primis,delle facciate,su progetto di Guglielmo Calderoni;tra il 1935 e il 1941 è stata realizzata l’ala settentrionale,progettata dall’architetto Carlo Ceschi. Il primo allestimento museale è stato realizzato in XIX sec. dall’archeologo Luigi Viola;successivamente,l’esposizione museale ha visto gli interventi di Quintino Quagliati e Ciro Drago,fino all’ultimo di Nevio Degrassi del 1963. La realizzazione del nuovo progetto ha previsto la chiusura della sede dal 2000 al 2007,al fine di realizzare un nuovo percorso espositivo che puntasse ai collegamenti territoriali e non solo alla semplice esposizione delle tipologie dei materiali. La ricostruzione è sempre contestualizzata all’area di provenienza,e segue un itinerario cronologico della storia di Taranto dal IV sec. a.C. al XI secolo d.C.,ponendo in relazione Taranto con il mondo apulo e con i siti di Canosa,San Paolo,Civitate,Carbonara ed Egnazia. Attraverso la cultura funeraria della città greca di IV-III sec. a.C. si giunge alla città romana tra la fine del III sec. a.C. al IV sec. d.C. : dal municipio all’età giulio-claudia;il monumento onorario di Cn. Nearchus Nepos;la domus dell’Istituto Maria Immacolata e i bellissimi mosaici di età imperiale-le terme Pentascinenses. Inoltre,la cultura funeraria della città romana con la necropoli monumentale di Piazza d’Armi,le iscrizioni funerarie e il sarcofago della battaglia presso le navi. L’ultimo percorso della mostra,ancora in fase di allestimento,interessa la città tra tardoantico ed età bizantina tra V-XI sec. d. C. Il Museo prevede l’apertura degli allestimenti del secondo piano entro il 2009, che comprenderanno le fasi cronologiche del periodo preistorico e dell’età arcaica. Nelle zone XX e XXI,nei corridoi che si affacciano sul chiostro,è ospitata la collezione di dipinti del Vescovo Giuseppe Ricciardi,un ricco lascito che il prelato ha donato al Museo. Una nuova collocazione trovano gli “Ori di Taranto”che vengono ordinati per ambito cronologico,per poter spiegare in quali rituali e in quale società si facesse uso di certi manufatti di alta oreficeria;infatti,pare che la città di Taranto fosse ricca di botteghe orafe che attestano una certa ricchezza e una sapiente conoscenza dell’arte di lavorare questo metallo nobile. Le sale dedicate a Taranto romana rivivono lo splendore della città attraverso la statuaria e i pavimenti a mosaico (molti conservati nella loro interezza),degli edifici pubblici e privati di età imperiale. Tra gli esemplari di architettura funeraria la notevole ricostruzione del Naiskos di IV-III sec.a.C. ,in cui sono inserite gli originali di sei metope di un fregio dorico e le cariatidi sul lato posteriore;e le iscrizioni in una elegante scrittura damasiana. Tra i manufatti esposti l’originale schiaccianoci a forma di mani,la serie di giocattoli a forma di animali,le piccole culle a sonaglio,le statuine che richiamano il gioco dell’Ephedrismos e una serie di statuine votive ammucchiate che rendono l’idea della entità delle offerte votive fatte nei santuari. Una nota a parte meritano gli “Ori di Taranto”,con i diademi,con gli  esemplari di orecchini ad elice e a navicella. Specchi in metallo con cerniere ed eleganti figure a  rilievo ci danno testimonianza di quanto fosse importante il culto della bellezza tra le donne della società greca. Gli allestimenti sono una testimonianza ricca e variegata delle società che hanno segnato la storia di questa città, ed il visitatore ricostruisce questi percorsi con la fantasia e con l’ausilio di moderne tecnologie multimediali,che rappresentano un interessante filo rosso tra la memoria storica e le nuove conquiste tecnologiche. 

 

Antonella Colaninno                    24 dicembre 2007

 

 

 

 

 

data ultima modifica: mercoledì 16 agosto 2017
 infoline: 3489946151

infomail:
arte@iltorchietto.it
design: COANPA -  2012 -
webmaster