- INDEX -

   Prima pagina
   Redazione
   Rubriche
   Eventi
   Utility

info short  
mostre in mostra

partner



clicca per accedere al menu

archivio

AGGIORNAMENTI

Aldo Pecoraino
 

 
avvertiamo i Signori Utenti che l’associazione culturale “il torchietto” non ha alcun venditore che si occupi di contatti o vendite di alcun tipo. Eventuali richieste o informazioni devono essere esclusivamente riferite a mezzo mail o ai numeri telefonici in home page indicati. 
  GLI ARTISTI

collaborazioni in galleria


  giusto sucato CENNI

Giusto Sucato nasce a Palermo nel 1950. Autodidatta, la sua opera semplice e povera viene dalla terra e dal duro lavoro dell'uomo. Testimone della tradizione e del lavoro come quotidianita', un rito che rivela il fluire ininterrotto del tempo e delle stagioni. Possiede un'eccezionale capacità di modellare la materia, anche se povera ed arida e di adattarla al gusto estetico e alla poetica. Il modello culturale dell'artista è "Godranopoli" un vero e proprio museo agreste, che lo stesso artista per lunghi anni e con le sue opere ha contribuito a realizzare insieme al suo grande amico e compagno Francesco Carbone, un intellettuale tra i maggiori esponenti del mondo culturale siciliano, che ha sperimentato con lui una metodologia di "aggregazione" sul piano storico e artistico, un esempio riuscito che a tuttoggi è possibile visitare (il museo di Godranopoli si trova nel paese di Godrano in provincia di Palermo). La memoria è trasmessa attraverso esperienze passate e rielaborate sulla base di informazioni dinamiche immesse nella realtà contemporanea. La materia prima per la realizzazione delle sue opere è costituita da oggetti e da materiali che nel passato hanno avuto una funzionalità oggettiva (vecchi arnesi da lavoro contadino e artigiano, sedie, chiodi, ecc.). Questa elaborazione artistica delle forme e delle strutture esprime una molteplicità di valori ed emozioni tipicamente"mediterranee". Cresciuto in Sicilia in un periodo storico fondamentalmente legato al mondo contadino e pastorale e alle sue tradizioni, ad un certo punto della sua vita comincia a rimodellare e rimontare i vecchi arnesi contadini o artigianali vecchi o in disuso per ricercarne una finalità "artistica"in armonia con i gusti e le tradizioni, ma soprattutto con la natura, quasi in contrapposizione al mondo tecnologico che avanza inesorabilmente con ritmo e logiche opposte. Giovanissimo incontra Francesco Carbone, il quale sul finire degli anni 60 entra a far parte del "Movimento delle comunità di base" una struttura culturale sorta alla base dell'organizzazione sociale territoriale fuori dalla logica verticistica e ufficiale delle istituzioni


 

 

 

 

data ultima modifica: mercoledì 16 agosto 2017
 infoline: 3489946151

infomail:
arte@iltorchietto.it
design: COANPA -  2012 -
webmaster